lunedì 25 maggio 2020

Acido mandelico: un alleato per la bellezza della pelle

peeling-acido-mandelico
La pelle del viso è messa alla prova ogni giorno. Inquinamento, stress e invecchiamento, a lungo andare, la rendono poco luminosa e levigata. L'acido mandelico è un alleato per la bellezza del nostro viso e un ingrediente fondamentale nella skincare routine.
Amato per le proprietà purificanti e anti-aging è adatto a tutti i tipi di pelle ed è perfetto per trattamenti specifici e massaggi.

ACIDO MANDELICO: A COSA SERVE
L'acido mandelico viene estratto dalla mandorla e da una cinquantina di anni viene utilizzato per la realizzazione di esfolianti, anti-età e creme viso.
Si tratta di un alfa-idrossiacido (AHA) e agisce sulla pelle in maniera delicata, caratteristica che lo rende perfetto per esfoliare la pelle anche durante l'estate e per cancellare lentiggini, linee di espressione marcate o efelidi. Ecco perché è un vero alleato contro rughe, imperfezioni, punti neri e acne. Leviga la pelle e la purifica in profondità rendendo l'incarnato più luminoso e compatto.
Grazie alle sue proprietà viene utilizzato nel peeling chimico -trattamento che velocizza il processo  di rinnovamento cellulare della pelle- per stimolare l'eliminazione delle cellule morte e aumentare la rigenerazione cellulare.
I sieri e le creme con acido mandelico non sono fotosensibilizzanti, di conseguenza possono essere utilizzati in ogni stagione.

COME FARE IL PEELING CON ACIDO MANDELICO
Il peeling con acido mandelico viene eseguito dopo la pulizia della pelle. Quindi, se siete abituate a truccarvi, prima di passare al peeling chimico, struccatevi bene con un'acqua micellare. Successivamente applicate il siero sulla superficie da trattare, evitando il contorno occhi, e lasciate agire il prodotto per 5 minuti.
Infine, ricordatevi sempre di applicare sulla pelle una crema lenitiva e nutriente.


Foto: 123rf

Nessun commento:

Posta un commento