lunedì 26 marzo 2018

Riserva di Bandia: la prima riserva naturale privata del Senegal

Quando si pensa all'Africa, nella mente prendono vita le immagini delle immense distese selvatiche, avvolte dalle calde luci del tramonto, dei grandi mammiferi, delle riserve naturali e dei paesaggi incontaminati.
Bandia è la prima riserva naturale privata del Senegal, creata nel 1986. La riserva costituisce un esempio di riuscita ecologica per la rigenerazione della flora e per la reintroduzione dei grandi mammiferi d'Africa, spariti da secoli sotto la pressione demografica e del bracconaggio. 
Situata nel cuore della foresta africana del Grande Baobab (simbolo del Senegal), la Riserva di Bandia è l'unica nel suo genere in Africa Occidentale.
Considerata una delle principali attrazioni della Petite Cote, Bandia si estende su un rettangolo di 3500 ettari dove, tra sentieri sabbiosi, attorniati da baobab, cespugli spinosi e alberi di acacia, è possibile avvistare mammiferi come antilopi e gazzelle, impala, bufali, facoceri e struzzi, e poi ancora scimmie, giraffe, zebre e perfino rinoceronti. Non manca quasi nessuno, solo gli elefanti e i grandi carnivori predatori.
Certo, la Riserva di Bandia non può essere paragonata a Parchi Nazionali come lo Tsavo Est in Kenya o al Kruger in Sudafrica, e probabilmente gli esperti di Africa saranno contrariati, ma ritrovarsi ad ammirare da vicino quegli animali visti sempre nei documentari, è davvero emozionante.
Le giraffe sfilano con eleganza, nascondendosi tra i grandi alberi, il sole si prepara a tramontare, gli uccelli riempiono il silenzio del luogo con il loro canto, l'odore della natura è avvolgente e l'aria rinfrescata della sera mi accarezza il viso.
 Sono questi i momenti in cui fermerei il tempo. Quando l'Africa, la natura e la mia anima si fondono insieme.

7 commenti: